Il miele del Pollino

Il miele è uno di quei prodotti con una forte impronta territoriale, ogni miele è diverso, a seconda delle stagioni e della vegetazione presente nei diversi luoghi. Noi abbiamo scelto di valorizzare e tutelare i mieli della nostra terra: l'Alta Valle del Frido.

Continua Miele del Pollino

Miele da apicoltura biologica

Produrre miele con metodo biologico, per noi rappresenta la certificazione del nostro modo di fare apicoltura, in perfetto equilibrio con la natura, che da sempre ci contraddistingue...

Continua Apicoltura biologica

Didattica ed educazione ambientale

Apicoltura Serra del Prete è a disposizione di chiunque voglia avvicinarsi all’affascinante mondo delle api del Pollino...

Continua Didattica ed educazione ambientale sul Pollino

Escursioni sul Pollino

Dal cibo degli Dei al giardino degli Dei, percorsi affascinanti, varietà di ambienti e scorci panoramici nel cuore del Parco Nazionale del Pollino...

Continua Itinerari sul Pollino
Curiositŗ


Biondo come l'oro e come l'oro prezioso per la salute e per la bellezza: ben lo sapevano gli antichi, che attribuivano al miele origini divine e lo consumavano in grande quantità, anche perché l'organismo umano ha bisogno di zuccheri, e in Europa, fino a tempi relativamente recenti, lo zucchero di canna era una rarità e quello di barbabietola non esisteva proprio.
I Romani lo mettevano, è il caso di dirlo, in tutte le salse e il più famoso dei loro libri di cucina, il testo di "Res culinaria" di Apicio è pieno di ricette che ne prevedono l'uso.

Si dice che anticamente le coppie appena sposate, durante il periodo di circa un mese (una luna) dopo il matrimonio, rimanessero in una sorta di isolata intimità e consumavano molto miele per propiziare la fertilità della donna. Sembra che proprio da questa abitudine derivi la nota "Luna di miele".

Si attribuisce al primo Imperatore romano Ottaviano Augusto la massima "miele dentro e olio fuori" come sana abitudine per mantenersi in buona salute.

Carlo Magno, per la cura delle terre a lui sottoposte, stabilì l'obbligo che in ogni podere ci fosse un agricoltore con l'unico compito di badare alle api, per potere così preparare miele ed idromiele.